FILA - PIANO DI FORMAZIONE/LAVORO PER EX PERCETTORI DI AMMORTIZZATORI SOCIALI ORA PRIVI DI SOSTEGNO AL REDDITO


(D.G.R. 420/2016 e D.G.R. 253/17)


AVVISO PUBBLICO DECRETI DIRIGENZIALI n.  753 del 30/10/2017 e  n.  964 del 27/11/2017


 


INDIRIZZI OPERATIVI


Nell’ambito dell’Avviso per la realizzazione di azioni di accompagnamento al lavoro, esperienza di formazione pratica per l’acquisizione di qualifiche di approfondimento tecnico di specializzazione e incentivi all’occupazione per le aziende che procederanno all’assunzione con contratto a tempo indeterminato rivolti agli ex percettori di ammortizzatori sociali ed agli ex percettori di sostegno al reddito privi di sostegno al reddito, vengono di seguito delineati gli indirizzi operativi utili per una corretta gestione delle azioni e misure da erogare ai destinatari dell’ Ob. Sp. 1 – “Favorire l’inserimento lavorativo e l’occupazione dei disoccupati di lunga durata e dei soggetti con maggiore difficoltà di inserimento lavorativo, nonché il sostegno delle persone a rischio di disoccupazione di lunga durata (RA 8.5)”.

 

 

I destinatari

I destinatari delle azioni previste dall’Avviso, di cui alla presente nota, devono essere in possesso contestualmente di tutti i seguenti requisiti di accesso:

  • Ex percettori di ammortizzatori sociali dal 1/01/2014 e sino alla data di adesione alle azioni di cui alla presente nota operativa, ora privi di sostegno al reddito.

  • Residenti o domiciliati in Regione Campania

  • Iscritti ai competenti Centri per l’impiego

  • Non beneficiari di altre misure di politica attiva alla data di adesione all’Avviso e che non abbiano beneficiato di analoghe misure su altri programmi, ad eccezione dei destinatari beneficiari dell’azione di formazione per la riqualificazione prevista dal programma de quo e di cui alle D.G.R. N. 420/17 E 253/17.


Tali  requisiti dovranno essere auto-dichiarati dal destinatario, secondo quanto previsto dal D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000  e  comprovati dagli stessi in fase di convocazione.

 

 

Gli Operatori Pubblici

 

I Centri per l’impiego della Regione Campania svolgeranno la funzione di punto di prima accoglienza, di primo contatto dei destinatari dell’Avviso e di iscrizione sulla piattaforma CliclavoroCampania.

L’operatore del Centro per l’Impiego dovrà verificare in prima istanza la sussistenza dei requisiti di accesso  dei destinatari delle azioni previste dall’Avviso attraverso l’acquisizione di apposita autodichiarazione rilasciata dai soggetti destinatari delle azioni, ai sensi del DPR n. 445 del 28 dicembre 2000.

 

Gli Operatori privati (APL)

 

Possono partecipare all’Avviso di cui alla presente nota le APL autorizzate ai sensi dell’art. 4 e 5 del D.Lgs. 276/03 e ss.mm.ii. , in possesso di accreditamento anche provvisorio della Regione Campania. Le  APL saranno inserite in un elenco regionale e riceveranno una profilazione sul portale CliclavoroCampania che le abiliterà, temporaneamente, all’erogazione dei servizi sul territorio. La domanda va presentata secondo le modalità di cui ai DD.DD. n. 753 del 30/10/2017 e n. 964 del 27/11/2017.

Le APL che a seguito dell’Avviso risulteranno idonee saranno abilitate alla gestione operativa dell’Avviso.

Le APL che si candideranno per l’Azione A) e quindi in qualità di intermediari, sono escluse dall’assegnazione dell’incentivo previsto dall’Avviso , nel caso di assunzioni effettuate dalle stesse in qualità di società di somministrazione di lavoro, a meno che l’assunzione non sia fatta direttamente dalla società di somministrazione in qualità di impresa e purché si tratti di società che non abbiano partecipato al presente avviso in qualità di operatori beneficiari delle azioni di accompagnamento al lavoro ( Azione A).

 

 

Le Imprese ammesse

Le imprese aventi sede legale od operativa nella Regione Campania potranno accedere alla piattaforma CliclavoroCampania e presentare i progetti relativi alle due azioni in programma compilando gli allegati B Imprese, B1 e B2:

  • Azione B: esperienza di formazione pratica ovvero work experience

  • Azione C: incentivi all’occupazione ovvero vacancy di lavoro con contratto a tempo indeterminato/ determinato di almeno 24 mesi.


Per tutte le Imprese partecipanti vige il vincolo di attuazione delle attività e delle assunzioni presso le sedi delle unità ubicate nel territorio della Regione Campania

 

Gestione della Procedura

Per poter accedere ai benefici ed agli  incentivi previsti dall’Avviso Pubblico di cui alla presente nota operativa, i soggetti proponenti (APL-IMPRESE) dovranno essere accreditati alla piattaforma CliclavoroCampania (www.cliclavoro.lavorocampania.it) e procedere alla compilazione della richiesta di ammissibilità al programma con le modalità descritte nell’Avviso approvato con Decreto Dirigenziale n. 753 del 30/10/2017 e modificato ed integrato con D.D. n. 964 del 27/11/2017.

Nell’area riservata del portale sarà disponibile una voce di menù denominata “FILA” – Acronimo dell’Avviso - che permetterà l’upload dei documenti previsti dall’avviso, firmati digitalmente, nei limiti di dimensione massima di 2 GB.

A seguito di pubblicazione sul BURC dell’elenco degli ammessi all’Avviso, sarà possibile procedere con la gestione operativa delle iniziative promosse, che prevedono processi differenti a seconda della tipologia di soggetto proponente (APL o Imprese) come delineato più avanti.

Gli operatori pubblici (CPI) avranno il compito di effettuare la prima accoglienza dei destinatari dell’Avviso con la presa in carico degli stessi e la verifica dei requisiti oggettivi per la partecipazione, che dovranno essere dichiarati dai partecipanti, mediante autodichiarazione ai sensi del DPR n. 445 del 28 dicembre 2000, in G.U. n. 42 del 20 febbraio 2001 “Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamenti in materia di documentazione amministrativa".

Successivamente alla verifica delle suddette autodichiarazioni, l’operatore pubblico (CPI) formalizzerà l’adesione del partecipante destinatario sulla piattaforma CliclavoroCampania.

Il destinatario target che avrà aderito al programma, potrà scegliere sia di proseguire il percorso presso il servizio per il lavoro pubblico (CPI) sia presso l’operatore specialistico privato (APL) ammesso all’iniziativa.

Nel caso di scelta dell’operatore pubblico, quest’ultimo, in qualità di intermediario, procederà alla verifica delle azioni disponibili sulla piattaforma e delle Vacancy pubblicate (Work experience, ect.) provvedendo a candidare il destinatario partecipante alla azione/misura individuata.

In caso di riscontro positivo il CPI potrà compilare e caricherà il PIP (Piano di Intervento personalizzato) sulla piattaforma con l’indicazione delle azioni promosse nei confronti del destinatario.

In tal caso il CPI erogherà la misura di orientamento entro e non oltre il termine di 30 giorni dalla data di adesione al programma.

In caso di integrazione e/o modifica del Piano definito con il destinatario, sarà possibile riaprire il PIP e procedere con le dovute modifiche.

Diversamente il destinatario partecipante potrà anche scegliere  un Operatore Privato  ( APL).

L’Operatore Privato (APL)  potrà attivare le misure di orientamento specialistico e potrà candidare i destinatari alle vacancy  pubblicate sul portale CliclavoroCampania.

La pubblicazione delle vacancy per ciascuna qualifica richiesta sarà visibile, inoltre,  per la sola consultazione nell’area pubblica del portale cliclavoroCampania, nella sezione Incrocio domanda/offerta selezionando la tipologia di progetto “FILA”.

La candidatura alle vacancy sarà possibile esclusivamente nell’area riservata dei destinatari dell’avviso, direttamente o mediante l’operatore intermediario che li ha in carico.

Tutte le candidature saranno visibili al soggetto proponente nel dettaglio della Vacancies da cui sarà possibile indicare l’idoneità o meno per ciascuna candidatura.

L’operatore privato candidato per la gestione dell’Avviso potrà procedere alla verifica delle azioni disponibili sulla piattaforma CliclavoroCampania e l’individuazione delle misure per il destinatario aderente all’Avviso.

L’operatore (APL) stesso dovrà procedere con la convocazione del destinatario e l’erogazione delle azioni necessarie previste dall’Avviso.

Durante la fase di convocazione dei destinatari dell’Avviso da parte degli Operatori individuati per l’erogazione delle misure previste dall’Avviso, questi ultimi dovranno verificare, mediante l’acquisizione di idonea documentazione, il possesso dei requisiti auto-dichiarati dal destinatario in fase di adesione.

A seguito dell’assegnazione e, quindi, in caso di riscontro positivo l’APL dovrà compilare e caricare il PIP con l’indicazione delle azioni promosse nei confronti del destinatario.

In caso di integrazione e/o modifica del Piano definito con il destinatario, sarà possibile riaprire il PIP e procedere con le dovute modifiche.

Il destinatario target (ex percettore) dell’Avviso potrà manifestare la volontà di modificare la scelta dell’Operatore Specialistico fino all’invio del PIP, successivamente non sarà più possibile modificare l’intermediario avendo formalizzato il processo amministrativo in corso.

La modifica potrà essere effettuata esclusivamente dall’APL che ha in carico il destinatario target verso il nuovo soggetto privato scelto.

L’impresa partecipante ed ammessa all’Avviso dovrà verificare, dopo la pubblicazione della vacancy, le assegnazioni delle candidature dei destinatari target  alle proprie posizioni disponibili sulla piattaforma CliclavoroCampania , avendo cura di selezionare uno o più candidati idonei in base al numero di posti disponibili indicando sulla piattaforma l’assenso al profilo candidato.

Tutta la documentazione utile alla verifica dei requisiti, dovrà essere conservata in un fascicolo elettronico di progetto per ciascun destinatario target a cura dell’operatore (pubblico o privato)  che ha in carico il destinatario.

La vacancy relativa alle linee di azione  (Esperienze pratiche in azienda-Ricollocazione) prescelte potrà essere ripubblicato fino alla copertura completa dei posti disponibili.

 

Le azioni e i costi ammissibili

Le candidature potranno prevedere le seguenti azioni:

Azione A ): Accompagnamento al Lavoro, lAvviso pubblico si propone di realizzare interventi di ricollocazione professionale e di accompagnamento al lavoro destinati a lavoratori coinvolti in processi di crisi strutturale, ex percettori di ammortizzatori sociali ora privi di sostegno al reddito, utilizzando campagne di informazione, animazione territoriale, interventi e tecniche e metodologie innovative di placement individuale. Coerentemente con quanto definito dal D.Lgs 150/15, tutti i lavoratori interessati dovranno beneficiare di:

  • campagna di informazione

  • colloquio di orientamento individuale;

  • azioni di orientamento anche collettivo, con formazione sulle modalità più efficaci di ricerca di occupazione adeguate al contesto produttivo territoriale;

  • formazione, della durata complessiva non inferiore a due settimane, adeguata allo sviluppo delle competenze professionali del disoccupato ed alla domanda di lavoro dell’area territoriale di residenza;

  • una proposta di adesione ad iniziative di inserimento lavorativo.


Gli interventi di ricollocazione si realizzeranno nell’ambito della Rete dei servizi per l’impiego, intesa come sistema nel quale gli operatori pubblici (CpI) e privati (ApL) cooperano per costruire efficaci servizi, per l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, con l’obiettivo di:

  • favorire e sostenere la ricollocazione di lavoratori esclusi dai cicli produttivi;

  • raggiungere in modo efficace l’obiettivo della “ricollocazione” attraverso un processo guidato che accompagni e sostenga il lavoratore nella ricerca di una nuova collocazione lavorativa;

  • sperimentare tecniche e metodologie innovative.


In particolare l’Azione A) prevede misure di accompagnamento alla ricollocazione di ex percettori di ammortizzatori sociali ora privi di sostegno al reddito, da affidare alle ApL, autorizzate per l’erogazione di servizi di politica attiva, ed al sistema pubblico dei Servizi per l’Impiego.

Nel dettaglio:

  • al servizio pubblico (CpI) è affidato il ruolo di regia, di punto di contatto e informazione per il lavoratore, di eventuale sottoscrizione dell’atto di adesione al programma, di attivazione di misure di politiche attive/iniziative di inserimento al lavoro nonché di eventuale rinvio ai servizi specialistici;

  • gli operatori privati saranno coinvolti per l’erogazione dei servizi specialistici e l’individuazione delle proposte di adesione ad iniziative di inserimento lavorativo e delle opportunità occupazionali.


Potranno usufruire dei servizi proposti dall'operatore privato, obbligatoriamente i lavoratori che avranno completato il percorso preliminare erogato dai Servizi pubblici per il lavoro, mentre gli altri procederanno alla scelta dei percorsi pubblici o privati.

Le azioni da affidare alle APL sono di placement Individuale.

Con l’azione di placement individuale si mira a costruire un percorso di reinserimento differenziato e personalizzato del soggetto destinatario, che tenga conto delle peculiarità del lavoratore e delle richieste dei settori produttivi del territorio. Per l’attivazione del percorso di politiche attive, le APL definiranno per ciascun soggetto un progetto individuale di placement finalizzato alla ricollocazione lavorativa. Sulla base dell’individuazione del bisogno dell’utente potranno essere utilizzati strumenti di orientamento diversificati (consulenza individuale, bilancio di Competenze e counseling), così come definiti dal D.Lgs 150/15:

  • Accoglienza del lavoratore, presa in carico ed erogazione dei servizi di orientamento al lavoro individuale entro 30 gg. dalla assegnazione del lavoratore;

  • Azione di orientamento di secondo livello e/o formazione/aggiornamento delle competenze adeguate alla domanda di lavoro dell’area territoriale, tra i due e quattro mesi dalla presa in carico del lavoratore;

  • Proposizione, entro gli otto mesi dalla presa in carico, di un percorso di formazione/aggiornamento delle competenze se non già realizzato, e di almeno un colloquio presso un’azienda, per posizioni compatibili con il profilo professionale del candidato, finalizzato all’incrocio domanda/offerta;

  • Eventuale ricollocazione lavorativa (attivazione contratto lavorativo a tempo indeterminato, determinato di almeno 24 mesi, ovvero un contratto di somministrazione di almeno 9 mesi nell’arco dei 12 mesi).


Azione B): Esperienza di formazione pratica per l’acquisizione di qualifiche di approfondimento tecnico-di specializzazione: Realizzazione di work experience; esperienze in situazioni lavorative; attività pratica in azienda, finalizzata all’acquisizione di competenze tecnico professionali mirate a rafforzare i profili professionali dei destinatari per un loro reinserimento lavorativo.

Al termine della Esperienza pratica, qualora non sia proposto al destinatario un contratto di lavoro presso l’azienda ospitante, allo stesso soggetto destinatario dovrà essere assicurato un intervento di supporto nella ricerca attiva di lavoro attraverso l’azione A) “Accompagnamento al Lavoro”, che prevede azioni per l’attivazione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato/determinato minimo di 24 mesi, ovvero un contratto di somministrazione di almeno 9 mesi, con l’obiettivo di realizzare l’inserimento lavorativo dei destinatari promuovendo interventi di orientamento, scouting delle opportunità occupazionali, tutoring, matching nonché all’individuazione della tipologia contrattuale più funzionale al fabbisogno manifestato. Saranno a carico delle imprese gli oneri assicurativi obbligatori per i destinatari partecipanti (INAIL E RCT).

Le tipologie di attività pratiche attivabili dall’impresa per un massimo di 6 mesi sono due:

  • di tipo professionalizzante: finalizzate alla acquisizione di competenze, conoscenze e abilità di carattere tecnico-operativo che completino il profilo professionale della persona adeguandolo a precise esigenze aziendali rilevate in sede di analisi dei fabbisogni dai soggetti proponenti;

  • di tipo specialistico: finalizzate alla acquisizione di competenze, conoscenze e abilità di carattere tecnico-scientifico che arricchiscano il profilo professionale della persona per aumentarne la spendibilità soprattutto in contesti di lavoro ad elevato livello di innovazione, specializzazione e complessità.


Azione C): Incentivi all’occupazione per le aziende che procederanno all’assunzione del soggetto destinatario delle azioni precedenti A; A e B; nonché, per le assunzioni dei soggetti provenienti da percorsi di formazione di riqualificazione programmati a valle delle DD.GG.RR. n. 420/16 e 253/17 con D.D. n. 894 del 20/11/2017 pubblicato in pari data sul BURC n. 84, con contratto a tempo indeterminato/ determinato di almeno 24 mesi nella forma di aiuto all’occupazione.

In particolare, nell’ipotesi di attività di esperienza pratica, a conclusione del percorso, l’impresa potrà procedere con le assunzioni provvedendo alle relative comunicazioni obbligatorie previste dalle disposizioni in materia e potrà presentare la richiesta di erogazione dell’incentivo sulla base dei criteri di seguito esplicitati e con le modalità che saranno definite in un apposito successivo atto di concessione.

Le assunzioni dovranno perfezionarsi, a pena di decadenza dall’incentivo, di norma entro 30 giorni dalla conclusione di tutte le azioni previste dal progetto collegate all’assunzione stessa.

Gli incentivi si configurano come aiuti all’occupazione e sono soggetti, pertanto, alla normativa comunitaria in materia (Reg. UE 651/14). L’entità dell’incentivo a favore delle imprese, è pari ad € 7.000,00 per ogni lavoratore assunto con contratto a tempo indeterminato, con obbligo del mantenimento per almeno 24 mesi, mentre è di € 3.000,00 per ogni lavoratore assunto a tempo determinato per un periodo non inferiore a 24 mesi. Non potranno essere assegnati incentivi per l’assunzione per le aziende che non siano in regola con gli obblighi di cui all’art. 3 della legge n. 68/99. L’incentivo è erogabile per l’intero importo, purché il relativo contratto di lavoro preveda un orario settimanale pari o superiore al 75% dell’orario settimanale stabilito come ordinario dal CCNL, in caso di orario inferiore, l’importo dell’incentivo sarà ridotto in maniera proporzionale.

Per la realizzazione dei progetti le spese ammissibili al finanziamento sono quelle relative alle indennità di frequenza riconosciute ai destinatari, da rendicontare a costi reali ed in applicazione del “Documento Metodologico relativo all’applicazione delle opzioni di semplificazione dei costi ammissibili al FSE ( C.D. COSTI STANDARD) nell’ambito del PO FSE Regione Campania “ approvato con Decreto Dirigenziale n.297 del 14/11/2014 ( BURC n. 79 del 24/11/2014), le altre spese ammissibili per cui si farà riferimento alla rendicontazione a costi standard .

Nel dettaglio relativamente a ciascuna azione di intervento si precisa quanto segue:

Per l’Azione A) Sono applicabili le seguenti UCS ⋅ Colloquio individuale e profiling, consulenza orientativa) €34,00/ora ⋅ Orientamento specialistico o di II livello €34,00/ora ⋅ Accompagnamento al lavoro €34,00/ora. Le modalità di applicazione delle UCS: a processo - UCS riferita ad 1 ora di prestazione: 1 ora = 60 minuti - Modalità di erogazione: individualizzata in presenza del destinatario (prestazione erogata sulla base del rapporto 1 operatore per 1 destinatario).

La quota riconosciuta al soggetto attuatore (ApL) è subordinata all’effettiva partecipazione da parte del destinatario ai servizi previsti dall’intervento di placement. Il finanziamento è riconosciuto al soggetto attuatore APL in base alle azioni erogate. Il costo dell'attività di orientamento è calcolato secondo il parametro stabilito dalla nota metodologica per la determinazione delle Unità di costo Standard dell'AdG al PO FSE 2007/2013, recepita dai servizi della Commissione, che fissa in euro 34,00 il costo orario standard per i servizi di orientamento. I progetti ammessi a finanziamento sono rendicontati secondo la modalità dei costi standard sulla base degli indicatori fisici di effettiva realizzazione delle attività.

Pertanto, l’intensità del contributo per l'Azione di natura orientativa è così determinata:

  • Fino a un massimo di Euro 170 prevedendo fino a un max di 5 ore di orientamento per ciascun lavoratore destinatario di azioni di natura orientativa (rilevazione delle esperienze pregresse, analisi delle spendibilità professionali, definizione di progetti professionali, tecniche di ricerca del lavoro, etc.).


Per l’Azione di ricollocazione è prevista una configurazione “a risultato occupazionale” conseguito:

  • Euro 3.000 a seguito dell’intervento di orientamento/formazione ed assunzione con contratto a tempo indeterminato, a favore dell’APL.

  • Euro 2.000 a seguito dell’intervento di orientamento/formazione ed assunzione con contratto a tempo determinato, a favore dell’APL, per un periodo non inferiore a 24 mesi;

  • Euro 1.000 a seguito dell’intervento di orientamento/formazione ed assunzione con contratto di somministrazione non inferiore a 9 mesi nell’arco dei 12 mesi, a favore dell’APL.


Per l’Azione B) E’ prevista l’erogazione di una indennità di partecipazione all’esperienza lavorativa mensile pari ad € 802,5 da rendicontare a costi reali, riconosciuta al destinatario dell’esperienza in azienda per un massimo di n.ro 107 ore mensili L’importo sarà corrisposto in base all’effettiva partecipazione alle ore lavorative (€ 7,50 all’ora).

Per l’Azione C) Incentivi alle aziende successiva alla realizzazione dell’Azione B) la rendicontazione sarà a costi reali e potrà essere riconosciuto l’importo indicato all’articolo 2) dell’Avviso, in virtù del della tipologia di destinatari coinvolti per ogni contratto a tempo indeterminato/ determinato di almeno 24 mesi, sottoscritto.

 

La rendicontazione della spesa unitamente al caricamento dei documenti a corredo prevista dal Manuale delle procedure di Gestione del POR Campania FSE 2014/2020 e delle Linee Guida per i Beneficiari dovrà essere effettuata attraverso il sistema di monitoraggio SURF.

 

Richieste di chiarimenti

Per richieste di chiarimenti oppure di FAQ relative all’Avviso è possibile inviare quesiti esclusivamente a mezzo PEC  al seguente indirizzo: servizilavoro@pec.regione.campania.it.

Per problemi di natura tecniche e legati all’utilizzo della piattaforma Cliclavorocampania è possibile inviare una mail all’indirizzo supportoclic@lavorocampania.it avendo cura d indicare il nome utente, la tipologia di operatore e il dettaglio della problematica riscontrata.

 

ATTO DI IMPEGNO

Le modalità di erogazione del finanziamento saranno regolate da apposito atto di impegno.



FILA Training/working programme to former recipiens of social safety schemes with no income support - under DGR n. 420/2016 and DGR n. 253/17.
Public notice DD n. 730 of 30/12/2017 and DD n. 964 of 27/11/2017. Operational guidelines.

Regione Campania gives operational guidelines for a right management of the public notice within the specific Objective n. 1 To ease employment to the long term unemployed workers and the ones with more issues in job-finding.

Condividi

FacebookTwitterGoogleLinkedIn